Chat with us, powered by LiveChat

Lean Thinking grazie al software ERP: come collaborano?

Lean Thinking ERP software

Il Lean Thinking, prima ancora che una metodologia aziendale, è una filosofia, una mentalità e un preciso approccio alla vita imprenditoriale. Pensiero snello significa attenzione, concentrazione, eliminazione degli sprechi e creazione di valore per il cliente.

James Womack e Dan Jones, fondatori rispettivamente del Lean Enterprise Institute e della Lean Enterprise Academy, nel 1996 hanno pubblicato un libro considerato la pietra miliare del pensiero snello. Il titolo è Lean Thinking. Come creare valore e bandire gli sprechi ed è basato sugli studi dei due autori sul sistema produttivo della Toyota: l’auto che ha cambiato il mondo, tanto per parafrasare il titolo di un loro precedente libro, scritto in collaborazione con Daniel Roos.

A più di vent’anni dall’uscita del libro, i temi del pensiero snello e del lean manufacturing sono ancora attuali. Anzi, si inizia a cercare di unire due sistemi apparentemente contrapposti: il lean thinking e i software ERP.

Cosa è il Lean Thinking?

L’idea alla base del lean thinking è quella di massimizzare il valore del cliente riducendo al minimo gli sprechi. Semplicemente, Lean significa creare più valore per i clienti, con meno risorse.

Un’organizzazione snella comprende a fondo il valore del cliente e ottimizza i suoi processi chiave per aumentarlo continuamente. L’obiettivo finale è quello di fornire al cliente un prodotto (o un servizio) di qualità attraverso un processo di creazione del valore perfetto e senza sprechi. La perfezione si raggiunge con un processo di miglioramento continuo (il metodo Kaizen).

Per raggiungere questo obiettivo il lean thinking cambia il focus del management: dall’ottimizzazione di tecnologie, asset e reparti separati all’ottimizzazione di interi flussi di valore che fluiscono orizzontalmente tra tecnologie, risorse e reparti, fino ai clienti.

Eliminare gli sprechi lungo interi flussi di valore, invece che in punti isolati, crea processi che richiedono meno risorse rispetto ai sistemi aziendali tradizionali: meno sforzo umano, meno spazio, meno capitale e meno tempo per realizzare prodotti e servizi a costi inferiori e con meno difetti. Le aziende sono in grado di rispondere ai mutevoli desideri dei clienti con alta qualità, ampia varietà, basso costo e tempi di produzione molto rapidi.

Quali sono i principi del Lean thinking

Per rendere più efficienti i flussi di valore ed eliminare gli sprechi occorre seguire i principi del Lean Thinking:

  • Identificare le attività che creano valore.
  • Determinare la sequenza delle attività che creano valore (il flusso di valore).
  • Eliminare le attività che non aggiungono valore.
  • Consentire ai clienti di determinare lo scorrimento del flusso.
  • Puntare alla perfezione migliorando continuamente il processo.

Il flusso di valore non deve riguardare solo l’azienda e i clienti, ma anche i fornitori e la supply chain.

Lean Manufacturing: dal pensiero lean alla produzione

Il pensiero snello applicato alle realtà manifatturiere può portare come risultato al lean manufacturing e più in generale alla lean production. Ovvero alla riduzione delle inefficienze in tutto il flusso di valore, dalla supply chain fino ai clienti. Il risultato è la realizzazione di prodotti di qualità al minor costo possibile, ecco come:

  • Riduzione dei costi logistici. L’approccio lean elimina gli sprechi legati agli eccessi di materie prime in magazzino e ai relativi costi di stoccaggio; garantisce inoltre che la quantità corretta di materiali arrivi esattamente quando necessario, elimina gli sprechi abbassando i costi di produzione, di trasporto e di magazzino. I costi di logistica ridotti creano valore per te e per i tuoi clienti.
  • Creazione di flussi di valore. Questo nel manifatturiero può significare: utilizzo di una stessa supply chain per più linee produttive; riorganizzare la produzione per eliminare tutti gli sprechi e il lavoro che non crea valore; ottimizzare l’uso dei macchinari; se necessario, investire in macchinari che eliminano rallentamenti nella produzione.
  • Rapido ritorno sull’investimento. Riorganizzare l’azienda sulla base del lean thinking comporta costi e investimenti, ma l’approccio lean garantisce un ritorno rapido. Eliminare gli sprechi e le attività non necessarie, abbassare i costi e i tempi di produzione consentono un rapido ritorno sull’investimento.
  • Creazione di valore per i clienti. Il lean manufacturing consente alla tua azienda di fornire prodotti di qualità al prezzo più basso possibile, perseguendo allo stesso tempo un miglioramento continuo dei processi e del prodotto. Questo ti consentirà di fidelizzare i tuoi clienti e di acquisirne di nuovi.

Esempi di lean manufacturing di successo

Il lean manufacturing è una filosofia gestionale derivata dal sistema produttivo Toyota (TPS, Toyota Production System), per cui la casa automobilistica del Sol Levante è l’esempio perfetto di lean manufacturing di successo. Il TPS è un approccio che riconosce l’interazione tra le persone e la tecnologia sul posto di lavoro e in cui il concetto di spreco non riguarda solo i materiali, ma anche il tempo e i movimenti; gli sprechi si abbattono anche riducendo lo stress dei lavoratori.

Anche la Ford è una azienda conosciuta per la sua storica maniacalità nella riduzione degli sprechi, mentre in tempi più recenti l’azienda John Deere ha fatto importanti investimenti per uscire da un tradizionale sistema di produzione di massa per adottare il lean manufacturing. John Deere è il primo produttore mondiale di macchinari per l’agricoltura.

Il lean manufacturing è stato adottato anche da Caterpillar, mentre uscendo dal settore auto motive troviamo aziende come Nike e Intel. Quest’ultima è riuscita a ridurre drasticamente i tempi di messa in produzione di un nuovo chip, passati da 14 settimane ad appena 10 giorni.

Come il software ERP aiuta la logica del Lean Thinking

Fino a qualche tempo fa ERP e approccio Lean venivano visti come due mondi paralleli. Il primo è basato sulla previsione delle vendite, il secondo sulla reale domanda dei clienti; da un lato un approccio fondato sui dati e la pianificazione, dall’altro uno più orientato all’azione.

Gli attuali software ERP per le imprese si sono evoluti per adattarsi al nuovo modello organizzativo che incrementa l’efficienza aziendale con la completa eliminazione degli sprechi e la riduzione dei costi, facendo così propri i principi del Lean Thinking.

Gli ERP aiutano nella creazione di flussi di valore. Pensiamo a come un ERP sia utile nella riduzione degli sprechi in attività come la logistica, la produzione, la riduzione delle scorte, i controlli qualità e il dialogo con gli altri attori della filiera produttiva (fornitori, distributori, clienti, ecc.).

Le funzioni di analisi degli ERP aiutano nell’ottica Kaizen del miglioramento continuo. I dati che fornisce consentono di monitorare l’andamento dell’azienda in tutti i suoi aspetti (dalla supply chain fino alle vendite) e di individuare le singole attività e processi che possono essere migliorati.

Gli attuali ERP sono quindi in grado di aiutare anche le aziende che hanno adottato il Lean Thinking, contribuendo alla riduzione degli sprechi e ad aumentare l’automazione e la creazione di valore per il cliente.

Conclusioni

Lean Thinking, Lean Manufacturing e Lean Production possono entrare oggi anche nella tua azienda. Il pensiero snello consente di ridurre le inefficienze e di creare più valore per te e i tuoi clienti.

È un cambiamento di paradigma per le aziende che lo adottano. Si tratta di ripensare ogni aspetto della filiera produttiva, dall’approvvigionamento dei materiali fino alla vendita. L’eliminazione delle inefficienze e la spinta verso la perfezione mettono la tua azienda nell’ottica del cambiamento continuo. In questo processo hai oggi nel software ERP un valido alleato, in grado di accompagnare la tua impresa nel percorso verso il lean thinking.

By | 2018-12-07T16:57:13+00:00 luglio 26th, 2018|Lean Manufacturing, Rete vendita|Commenti disabilitati su Lean Thinking grazie al software ERP: come collaborano?